Iron Hands

Disgustati dalla debolezza dei loro corpi potenziati, fanno continuo ricorso a resistentissime protesi bioniche compensando alla fragilità della carne con la duratura forza della macchina. Scatenati nel crogiolo della guerra dalla saggezza collettiva del Consiglio di Ferro, essi portano avanti l’incessante guerra per la sopravvivenza dell’Imperium con una determinazione tanto fredda quanto spietata.

Gli Iron Hands sposano la precisione assoluta che invade la Deathwatch, combattendo seguendo precisi calcoli che non tengono conto di insulse emozioni o stupide nozioni di gloria. Tali precetti furono stilati dal loro Primarch scomparso, Ferrus Manus, e dopo diecimila anni i suoi eredi li seguono con fede incrollabile. È per questo che quando avanzano, lo fanno con una strategia inflessibile e metodica.


  • Promo
  • Promo
  • Promo
  • Promo

Gli Iron Hands possono essere annoverati tra i più implacabili difensori dell’Imperium. Sono spinti dal desiderio di raggiungere una fredda perfezione priva di emozioni, di abbandonare la fragile carne e abbracciare l’inflessibile resistenza della macchina. Mettendo in primo piano il potere della logica, combattono una guerra eterna contro le infinite ondate di eretici, traditori e xeno corrotti che minacciano l’eredità dell’Imperatore, senza curarsi del prezzo che il Capitolo, o gli altri, debbano pagare.

Gli Iron Hands hanno una ferita aperta nella loro anima collettiva, una macchia risalente ai primi giorni dell’Eresia di Horus. Il loro Primarch, Ferrus Manus, fu infatti il primo di quella divina confraternita a cadere nel conflitto stellare, abbattuto dal traditore Fulgrim sui campi insanguinati di Isstvan V.

Danno da sempre la colpa della tragedia a Manus per essersi fatto sopraffare dall’ira. I sopravvissuti a quell’amaro giorno decisero che non sarebbero andati incontro all’insulsa fine del padre genetico, e abbracciarono così la logica insensibile e la precisione meccanica.

Considerarono le carte come una debolezza, reputandola la fonte di ogni emozione. Da quel giorno seppellirono i loro sentimenti sotto questo inflessibile mantra, epurando ritualmente le loro indegne viscere a favore della fredda e affidabile forza della macchina.

Nel suo cuore ogni figlio di Manus sa di perseguire un obiettivo impossibile. Una macchina non può venerare l’Imperatore, né tenere fede alle leggendarie tradizioni di un Primarch morto da tempo, ma un uomo di carne e ossa, per quanto post-umano possa essere, non è forte a sufficienza per difendere l’Imperium.

Filtra per

more... less
more... less
more... less
Prezzo
17 28
Lingua
more... less
Filtri